LOGO CNDL


SEI IN HOME - DIMISSIONI TELEMATICHE

dimissioni telematicheDIMISSIONI TELEMATICHE VOLONTARIE

  • A partire dal 12 marzo 2016 le dimissioni volontarie e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro dovranno essere effettuate in modalità esclusivamente telematiche, tramite una procedura online.

    È obbligatorio presentare le dimissioni volontarie online?

    Sì, con l'introduzione del Jobs Act il lavoratore deve comunicare le proprie dimissioni o la risoluzione consensuale del rapporto lavorativo esclusivamente in modalità telematica tramite la procedura online.

    Chi può presentare le dimissioni telematiche volontarie?

    Il servizio è rivolto a tutti i lavoratori e le lavoratrici che intendano comunicare le proprie dimissioni.

    Non devono presentare le dimissioni volontarie online: i dipendenti pubblici, i lavoratori domestici (colf e badanti), i casi di risoluzione a seguito di conciliazione stragiudiziale, i lavoratori in prova, il lavoro marittimo e le dimissioni in sede protetta dei genitori lavoratori per i quali è prevista la convalida presso le sedi territoriali dell’Ispettorato nazionale del lavoro (dimissioni della lavoratrice in gravidanza o della lavoratrice/lavoratore nei primi tre anni del bambino).

    È possibile chiedere la NASpI dopo aver presentato le dimissioni volontarie?

    No, coloro che presentano dimissioni volontarie sono esclusi dalla NASpI.

    Come presentare la richiesta di dimissioni volontarie?

    È possibile presentare le dimissioni telematiche volontarie tramite il nostro CENTRO CNDL. 

    Quali sono i dati e i documenti necessari per completare la richiesta?

    I dati e i documenti necessari per completare correttamente la richiesta sono:

    • SPID
    • Carta di identità
    • Codice fiscale
    • Unilav di assunzione o busta di paga
    • PEC Azienda per invio dimissioni

    Quali sono i tempi di preavviso per le dimissioni?

    I termini di preavviso sono normalmente regolati dai Contratti Nazionali (CCNL) di riferimento e dipendono da diversi fattori, tra cui ad esempio livello ed anzianità aziendale del dimissionario.

    Quale data di decorrenza inserire nelle dimissioni volontarie?

    La data di decorrenza delle dimissioni deve essere calcolata sommando i giorni di preavviso previsti da contratto + 48 ore per l'invio della domanda.

    È possibile inviare dimissioni volontarie anche senza preavviso?

    Sì, è possibile presentare le dimissioni anche senza preavviso con il rischio di riduzione dell'ultimo stipendio. In questo caso la data di decorrenza delle dimissioni deve essere il giorno successivo rispetto all'ultimo giorno lavorativo. In pratica non è possibile indicare come data di decorrenza delle dimissioni lo stesso giorno in cui si stanno inviando le dimissioni e in cui appunto si risulta a lavoro

  • PDF