LOGO CNDL


SEI IN HOME - RISCATTO AGEVOLATO LAUREA

riscatto agevolato laureaRISCATTO AGEVOLATO LAUREA

  • La Legge di Bilancio per il 2022 non ha previsto la proroga della cosiddetta “pace contributiva” introdotta dal decreto legge 4/2019 per consentire, in via sperimentale per il triennio 2019 – 2021, la possibilità di recuperare a condizioni semplificate e con oneri agevolati eventuali buchi contributivi tra diversi lavori.C’è poi il caso particolare del riscatto degli anni di laurea, in particolare dei periodi corrispondenti alla durata legale del corso di laurea (o una sua parte), compresi i dottorati di ricerca, i diplomi di specializzazione post laurea ed i titoli di studio equiparati a seguito dei quali sia stata conseguita la laurea o i diplomi previsti dall’articolo 1, della legge 341/1990.
  • Recentemente l’articolo 20 del Decreto-legge n. 4/2019 recante “Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni” ha introdotto una nuova facoltà di riscatto agevolato, ai fini previdenziali, dei periodi non coperti da contribuzione.Un’opzione facoltativa che introduce degli sconti sull’onere da versare ma viene concessa a patto di non aver maturato alcuna contribuzione prima del 31 dicembre 1995 e di non essere titolari di pensione.
  • Attenzione: il riscatto agevolato previsto dal dl 4/2019 non deve necessariamente riguardare periodi di studio successivi al 1995, ma può essere utilizzato per valorizzare ai fini previdenziali anche periodi antecedenti al 1996, se il lavoratore sceglie il calcolo interamente contributivo della pensione (circolare INPS 6/2020).In più il riscatto agevolato gli anni riscattati sono conteggiati solo per raggiungere il requisito contributivo ma non vengono valorizzati per far crescere l’importo dell’assegno.

COSTO

 

  • In caso di riscatto di laure agevolato, si applica uno sconto sull’importo dovuto per il riscatto della laurea pari, in media, al 60% (il risparmio effettivo dipende dall’ammontare dell’attuale retribuzione). Il costo del riscatto agevolato degli anni di università ha infatti un ammontare uguale per tutti: 5.241,30 euro per ogni anno riscattato (si applicano le stesse regole applicate a chi è ancora inoccupato).